Officina Splendore ignorato

L'"Officina di Usus" del progetto

Lo splendore ignorato

La sintesi del progetto

Il progetto Lo splendore ignorato. Valorizzare la cultura diffusa dell’olio d’oliva Toscano nasce nel 2019, con la costituzione di un partenariato composto da circa 50 soggetti (tra cui archivi, soprintendenze, biblioteche, musei, aziende agricole).

Obiettivo del progetto è duplice: da un lato quello di aggregare e sistematizzare il patrimonio diffuso in Regione sulla cultura materiale e immateriale dell’olio e dall’altro quello di avviare una serie di iniziative sul territorio finalizzate a valorizzare questo patrimonio in quanto esemplificativo di un peculiare modo di interpretare, l’alimentazione, lo stile di vita, la salute e il rapporto con il paesaggio. 

L’intervento consiste in un percorso di ricerca e documentazione del Knowledge territoriale esistente che funzioni da aggregatore di una comunità di portatori d’interesse: solo attraverso un processo di Community building, infatti, è possibile costruire il terreno comune dal quale partire per progettare, insieme agli interlocutori e agli stakeholder già individuati e a quelli che saranno individuati progressivamente (le istituzioni, le associazioni culturali, i cittadini, i produttori, le associazioni di categoria, etc.), un nuovo modello di valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale che contraddistingua la Toscana in relazione a questo importante prodotto e che abbia ricadute importanti in termini sociali ed economici su tutto il territorio regionale. Il progetto è quindi centrato sull’olio d’oliva, ma tramite questo prodotto così centrale nel passato, nel presente (e auspicabilmente nel futuro) della nostra Regione, punta a trainare azioni di valorizzazione di tutta una serie di prodotti appartenenti ad una tradizione alimentare (saldamente inserita nel contesto della dieta mediterranea, patrimonio Unesco) che favorisce la salute degli individui, delle comunità e dei territori.

Non sei un partner?

Scrivici all’indirizzo redazione@scientiatqueusus.org per collaborare con noi al progetto.

Entra nell’"Officina di Usus" del progetto

Se sei uno dei nostri partner, puoi accedere all’area riservata inserendo la password del Navigatore di progetto che ti è stata fornita.