olivo-gentile-official-page

L'olivo gentile.
Lo splendore ignorato delle ulivete

Un progetto dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio e del Lab Center for Generative Communication

L'olivo gentile. Lo splendore ignorato delle ulivete

Un progetto dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio e del Lab Center for Generative Communication

Il progetto in breve

Questo progetto nasce dalla collaborazione tra l’Associazione Nazionale Città dell’Olio e il Lab Center for Generative Communication (Lab CfGC) – Direttore: Professor Luca Toschi -. Tale iniziativa si prefigge l’obiettivo di attivare e animare una comunità di soggetti – istituzioni, associazioni, imprenditori, singoli cittadini – interessati al recupero e alla valorizzazione delle ulivete, a partire da quelle abbandonate o a rischio abbandono. “L’olivo gentile” è un progetto nato per diffondere e sperimentare nuove pratiche di socialità.

 

“L’olivo gentile”  mira a ripensare profondamente il corrente significato di “agricoltura sociale”, sviluppandone la funzione socio-economica e culturale in direzione di una strategia di sviluppo e cura del territorio e dell’intera comunità che vada oltre il recupero di soggetti svantaggiati. 

Le ultime news sul progetto

03 12 2021

Nel contesto del progetto “L’olivo gentile. Lo splendore ignorato delle ulivete” è stata attivata una borsa di studio per la partecipazione al Master in Comunicazione Medico-Scientifica e dei Servizi Sanitari dell’Università di Firenze.

Clicca qui per maggiori informazioni

***

29 11 2021

È iniziata la somministrazione a tutti i soci dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio del questionario per rilevare e mettere in comune le attività relative al contrasto all’abbandono, all’attivazione di pratiche di agricoltura sociale e alle iniziative per la valorizzazione della cultura dell’olio e dell’olivo.

Clicca qui per maggiori informazioni

***

25 10 2021

Quante sono le ulivete abbandonate in Italia? 

Scoprilo leggendo l’articolo scritto da Marco Sbardella su Officine di scientia, il giornale della community di sAu

Clicca qui per leggere l’articolo

***

 

In evidenza: opportunità di una borsa di studio per partecipare gratuitamente al Master in Comunicazione Medico-Scientifica e dei Servizi Sanitari

Sei un socio o un referente delle Città dell’Olio?

Al fine di promuovere e sviluppare progettualità finalizzate a valorizzare questa stretta relazione tra olio e salute, l’Associazione Nazionale Città dell’Olio – in collaborazione con il Lab CfGC e il Master in Comunicazione Medico-Scientifica e dei Servizi Sanitari – ha attivato il premio 

“Salute e alimentazione. Il valore dell’olio extravergine d’oliva”

Il premio consiste nel finanziamento di una borsa di studio a copertura dell’iscrizione al Master per un/una corsista, che sarà affiancato/a da tutor e esperti nella realizzazione di un progetto di comunicazione finalizzato a promuovere la relazione tra olio EVO e salute.

Possono partecipare alla selezione tutti i dipendenti e i collaboratori dei soci dell’Associazione che possiedono i requisiti di accesso al Master (si veda l’articolo 8 del Decreto Istitutivo).

Per candidarsi è sufficiente compilare e rimandare via mail la scheda di presentazione entro venerdì 17 dicembre alle ore 20:00.

Si consiglia a tutte le candidate e i candidati di contattare, prima dell’invio della scheda, il dott. Marco Sbardella (marco.sbardella@unifi.it, marco.sbardella@scientiatqueusus.org, 0552756196) per chiarire ogni dubbio e ricevere ogni informazione necessaria.

 

Il Master in breve

Coordinatore: professor Luca Toschi

Università: Università di Firenze

Main Partner: Azienda Ospedaliero Universitaria di Careggi

Periodo di svolgimento: Gennaio – Dicembre 2021

Frequenza: Per agevolare l’accesso a lavoratori e lavoratrici, il Master potrà essere seguito anche interamente online (sia in sincrono sia accedendo alle lezioni videoregistrate) da coloro che ne faranno espressa richiesta

Crediti Formativi Universitari: 60 CFU

 

 

In evidenza: contribuisci alla rilevazione delle migliori pratiche di contrasto all'abbandono, agricoltura sociale e valorizzazione dell'olio e dell'olivo

Sei un socio o un referente delle Città dell’Olio?

Il team di progetto ha avviato una rilevazione nazionale sulle migliori pratiche di contrasto all’abbandono delle ulivete, di olivicoltura sociale e di valorizzazione della cultura dell’olio e dell’olivo.

La tua amministrazione e/o gli attori sociali e produttivi del tuo territorio hanno attivato progetti in questi ambiti? 

Condividi queste esperienze con la comunità delle Città dell’Olio!


Dai il tuo contributo al progetto

Le informazioni raccolte confluiranno nella Banca Dati del progetto e saranno il primo passo per dare visibilità alle attività esistenti e progettare nuove iniziative attente a contrastare l’abbandono delle ulivete e a ribadire la centralità dell’olivicoltura nell’economia dell’intero bacino del Mediterraneo.

Scopri di più sul progetto!

Il progetto “L’olivo gentile. Lo splendore ignorato delle ulivete” nasce dalla collaborazione tra l’Associazione Nazionale Città dell’Olio e il Lab Center for Generative Communication (Lab CfGC).

In questa prima fase il progetto prevede principalmente il coinvolgimento dei 380 enti pubblici che aderiscono alle Città dell’Olio, ma l’obiettivo è quello – a partire proprio dagli elementi di conoscenza raccolti grazie al contributo di questo primo nucleo di progetto – di ampliare questa comunità, includendo tutti coloro che, con ruoli e competenze differenti, intendono promuovere e innovare l’olivicoltura italiana.

Il progetto nasce dall’incontro di diversi interlocutori accomunati dai medesimi obiettivi:

  1. Creare opportunità per i territori e favorire l’accesso a finanziamenti e bandi locali, nazionali e internazionali;
  2. proporre l’agricoltura sociale come soluzione per contrastare l’abbandono delle ulivete;
  3. attivare percorsi di socializzazione e formazione intorno alla gestione e al recupero delle ulivete;
  4. condividere esperienze e iniziative legate alla valorizzazione dell’olio e dell’olivo sul piano culturale e economico, funzionali allo sviluppo dei tanti territori che si affacciano sul Mediterraneo;
  5. fornire ai decisori politici a livello regionale e nazionale suggerimenti e elementi di conoscenza per programmare e coordinare le politiche di sviluppo (a partire dai Programmi di Sviluppo Rurale).
Gli output del progetto

Il progetto prevede la realizzazione di un database caratterizzato dalla presenza dei progetti, delle esperienze, delle iniziative attive e degli attori coinvolti in attività di agricoltura sociale, di contrasto all’abbandono e, più in generale, di  valorizzazione delle ulivete. L’obiettivo è quello di facilitare l’ideazione e lo sviluppo di nuove progettualità congiunte.

Il progetto prevede un approfondimento specifico su come l’immaginario dei paesi del bacino del Mediterraneo ha generato favole, racconti e storie legate alla pianta dell’olivo e all’olio.

Il progetto prevede l’organizzazione di un evento nazionale dedicato all’olivo e all’olio come elementi in grado di coniugare con grande forza gli aspetti materiali (economici, alimentari) e quelli simbolici (storici, culturali, sociali).

Quali sono gli strumenti di cui si avvale il progetto?

Il Lab Center for Generative Communication ha ideato e realizzato un ambiente specifico per la progettazione, l’implementazione e la documentazione online per lo sviluppo delle molte iniziative previste.

L’ambiente si articola in Officina di usus e Officina di scientia.

***

L’obiettivo delle Officine è di rafforzare la comunicazione organizzativa interna al gruppo di progetto (grazie a tools specifici per la gestione, condivisione e sviluppo del knowledge) e, contemporaneamente, di facilitare la comunicazione esterna e la condivisione dei risultati del progetto.


Uno sguardo sull'Officina di usus del progetto

Clicca sulla gallery sottostante per osservare da vicino alcuni degli strumenti presenti nell’Officina di usus del progetto

Un luogo di lavoro riservato ai partner del progetto.

Cosa sono le Officine di usus?

Le “Officine di usus” sono i cantieri in cui noi e i nostri Partner realizziamo, fattivamente e concretamente, i nuovi progetti di comunicazione. Progetti-prodotti caratterizzati da scelte in linea con gli indirizzi più innovativi, a livello nazionale e internazionale. Progetti il cui “valore“- fin dalla fase della loro ideazione e progettazione – risulta essere tanto maggiore quanto più numerosi e qualificati sono gli stakeholder che vi cooperano e collaborano. In una prospettiva di valorizzazione delle diversità degli interessi e dei ruoli, secondo una logica organizzativa e comunicativa contraria ad ogni impostazione riduzionistica e meccanicistica.

Scopri tutte le Officine di usus